Archive Page 2

Presentazioni d’autunno

Mercoledì 13 ottobre, ore 18.00 presso la Galleria delle Donne, via Fabro, 5 – Torino, presentazione del libro “Di donne e di gatti” di Gemma Rota Surra.
A seguire, aperitivo (€ 5,00).

 

 

 

—-

Mercoledì 13 ottobre, alle 15,30, in occasione della manifestazione nazionale OTTOBRE, PIOVONO LIBRI…, A TORINO SI LEGGE IN TRAM E IN BIBLIOTECA,
presentazione di “Fra marsine e merletti” di Vittorio G. Cardinali. Una insolita presentazione sul tram storico, partenza da via Bertola, 10, percorso per le vie del centro, ritorno dopo un’ora circa.

 

 

—–

Venerdì 15 ottobre, ore 18.00 presso il Centro di studi e ricerche Mario Pannunzio, Via Maria Vittoria 35h, Torino, presentazione de “I quattro massoni di Chieri” di Amedeo Pettenati.

15 ottobre 2010, Avigliana – Donne, poesia… e non solo!

M.O.V. (Moderne officine Valsusa) e Fabula Rasa, il 15 ottobre  alle  ore 21.00, in Via  Garibaldi 24, Avigliana, vi invitano a:

DONNE, POESIA… E NON SOLO!
Quattro poete presentano  le  raccolte  di liriche pubblicate dalla Neos Edizioni, mettendo in gioco ognuna anche  un altro talento, in  un serata in cui il linguaggio poetico  si integra con quello  dei  racconti  brevi, con  la prosa del romanzo, il linguaggio teatrale e quello della scultura  floreale.

Saranno presenti:
Elena  Gastaldi, poeta, autrice di racconti brevi, con la raccolta “Il respiro ti dirà il nome”
Patrizia Nicola, poeta, drammaturga, con la raccolta “In silenzio”
Marisa Porello, poeta, romanziera, con  la raccolta “La casa  della poeta”
Maria Cecilia Serafino, poeta  e scultrice  floreale, con la raccolta “Sei  petali di ali”.

Interverrà l’editore Silvia Ramasso.

Nello spazio  M.O.V. saranno esposte  sculture  floreali di M.C. Serafino, che  realizzerà una creazione anche durante la serata.

Letture  a cura  di Francesca Carnevali, attrice di Fabula Rasa  e MOV e  performance di Veronique Esteve, attrice di Messinscena, collaboratrice di Fabula Rasa.

LUNA NUOVA – 5 ottobre 2010 – “L’ospedale Collegno” vince il concorso letterario

COLLEGNO – “Ma Collegno non è solo un manicomio?”. La curiosa domanda è alla base de “L’ospedale Collegno”, il divertente racconto di Mario Gramaglia vincitore del concorso letterario “ScriviCollegno”, indetto dall’amministrazione per celebrare i 30 anni di “Collegno Città”. La scorsa settimana, nella sala lettura della biblioteca civica, è stato presentato l’omonimo volume edito dalla rivolese Neos Edizioni. L’antologia raccoglie i dieci migliori racconti pervenuti al concorso, dieci brevi narrazioni sul tema “raccontare Collegno attraverso luoghi, storie, emozioni e ricordi” selezionati da una giuria composta dalla “grande lettrice” Anna Iachi (più di 200 libri divorati in un anno), dalla presidente della Neos Silvia Ramasso, dalla scrittrice Teodora Trevisan e dalla coordinatrice della biblioteca Noemi Turolla. Dietro Gramaglia, Marco Gariglio con “Scheletri alle porte” e “La città immaginaria” di Alessandro Gotti. A seguire, Riccardo Torchio, Bruno Salis, Chiara Bertora, Silvia Rosina, Tommaso De Martino, Valeria Amerano e Ivana Scarzella. E, in conclusione, un contributo dell’assessore alla qualità della vita di Collegno Paolo Macagno. Insomma: un libro che, con le sue storie emozionanti, a volte nostalgiche a volte ironiche, racconta la storia di Collegno, mischiando grandi avvenimenti a piccole vicende quotidiane, fantasia e memoria, riflessioni e speranze. Un’esperienza positiva che ha dato i suoi frutti. Ha già preso il via, infatti, il concorso “ScriviCollegno 2011”. Tema: la poesia civile. Ispirata cioè ad argomenti che non riguardano il singolo, ma l’intera comunità, tra celebrazioni, denunce e riflessioni tu temi collettivi. Il bando è disponibile sul sito del Comune: http://www.comune.collegno.to.it

Benvenuta! Benvenuto!

Ciao!

Se è la prima volta che capiti su queste pagine (o se invece sei un visitatore o una visitatrice abituale), sono lieta di darti il benvenuto.

Questo è uno spazio dedicato a chi ama leggere e a chi ama scrivere. Un luogo in cui i lettori e gli autori Neos possono incontrarsi, comunicare, lasciare una traccia dei loro pensieri, dare un’occhiata veloce o esplorare con calma ogni angolo.

Buona passeggiata tra le pagine del blog.

Nicoletta

Le presentazioni continuano!

Giovedì 30 settembre, alle 21.00, presso il CLUB ALPINO ITALIANO – Sezione di VENARIA REALE – Via Aldo Picco, 24 – serata con Maurizio Chiereghin, autore di “Aquile e gipeti delle mie valli” e le meravigliose immagini di una passione.
Fra le righe di questo libro si leggono ore e ore passate ad osservare, spesso senza vedere altro che rocce, alberi, torrenti, prati. Poi, in un momento, tutto accade e noi siamo lì, testimoni di un evento raro ma antico e sempre uguale, ripetuto infinite volte nella storia naturale di questi due uccelli, ma raro per noi perché lontano dall’esperienza di tutti i giorni, e proprio per questo così affascinante.
———————

Venerdì 1 ottobre, alle ore 18.00 presso la libreria Coop – Piazza Castello, 113 – Torino
“Scrivere che passione, pubblicare che fatica, vendere che impresa!” – La grande passione per la narrativa si scontra con le difficoltà pratiche del mondo editoriale. Ma, per fortuna o meno, c’è chi non demorde. All’incontro-chiacchierata, condotto dal giornalista Cristiano Tassinari, partecipano alcuni autori torinesi tra cui Roberto Meistro, autore di “Confiteor” e Rossana Repetto, autrice di “Anime fuse”.

————————–

Venerdì 1 ottobre, alle 18, presso il Circolo dei Lettori – Sala Verde in via Bogino, 9 (To)
Presentazione di “Fra marsine e merletti” a cura di Vittorio G. Cardinali
Cosa avvenne realmente tra il 20 e il 21 luglio 1858 nella cittadina termale francese di Plombières? Il conte di Cavour vi incontrò segretamente l’imperatore Napoleone III per gettare la basi dell’alleanza tra la Francia e il Regno di Sardegna in vista della guerra contro l’Austria.

———-

Sabato 2 ottobre, alle 11, presso lo studio medico della dott.ssa Luisa Gabetti in corso Maroncelli 4/bis (To)
Presentazione di “Piume d’angelo” di Roberto Bruciapaglia
Un giovane giornalista conosce un anziano professore che sembra appartenere a un’epoca lontana. Il loro rapporto d’amicizia riesce ad evocare un’incredibile storia d’amore.

———–

Lunedì 4 ottobre, alle ore 15.30, in occasione della manifestazione nazionale OTTOBRE, PIOVONO LIBRI, A TORINO SI LEGGE IN TRAM E IN BIBLIOTECA, presentazione del libro “Fra le chiese di Torino – Quattro itinerari nella città della Sindone” di Miranda Fontana. Una insolita presentazione sul tram storico, partenza da via Bertola, 10, percorso per le vie del centro, ritorno dopo un’ora circa.

————

Mercoledì 13 ottobre, alle 15,30, in occasione della manifestazione nazionale OTTOBRE, PIOVONO LIBRI, A TORINO SI LEGGE IN TRAM E IN BIBLIOTECA,
presentazione di “Fra marsine e merletti” di Vittorio G. Cardinali. Una insolita presentazione sul tram storico, partenza da via Bertola, 10, percorso per le vie del centro, ritorno dopo un’ora circa.

Intervista a Silvia Maria Ramasso

Dal sito www.reteculturalevirginia.net, il portale italiano delle donne artiste.

Silvia Maria Ramasso è editore; persona concreta a determinata, disdegna i personalismi, infatti non la si rintraccia facilmente nel sito della sua casa editrice Neos Edizioni: alla voce “chi siamo” risponde uno testo al plurale, che disegna un interessante progetto editoriale varato nel 1996. presentata da questa introduzione: editore; persona concreta a determinata, disdegna i personalismi, infatti non la si rintraccia facilmente nel sito della sua casa editrice Neos Edizioni: alla voce “chi siamo” risponde un testo al plurale, che disegna un interessante progetto editoriale varato nel 1996.


Il suo rapporto tra la femminilità ed il potere. Quali elementi differenziano la dirigenza di una donna da quella di un uomo?
Non si può parlare di potere in un’azienda ben gestita, ma di leadership, di qualcuno che si prende la responsabilità degli altri; la parola potere è fuori luogo, soprattutto nelle aziende dirette da donne, che riescono meglio ad esprimere appunto la leadership.

Racconti, se si è verificato, un episodio determinante per la sua scelta professionale.
Studiavo scienze naturali per lavorare nei parchi nazionali, ma la strada si presentava tortuosa e mio padre mi propose di entrare nell’impresa di famiglia; colsi quell’occasione, trasformando la tipografia, nata nel 1953, in casa editrice; il processo è durato parecchi anni, nell’arco dei quali ho approfondito le politiche imprenditoriali scegliendo poi di sterzare verso un settore che mi interessava di più e che, a fronte di dati e riflessioni, ritenevo commercialmente più vivo.

L’essere donna è stato un vantaggio, un ostacolo o un aspetto ininfluente?
Ininfluente, con minimi vantaggi o svantaggi; sono stata per quindici anni il primo presidente di categoria, dell’Unigec Confapi (Unione Nazionale della Piccola e Media Industria Grafica Editoriale Cartotecnica ed Affine), ho trattato e concluso con i sindacati dodici contratti collettivi di lavoro; ho rinunciato alla carica quando ho ritenuto terminato il mio apporto. Nessuno nel frattempo si era preoccupato che io fossi donna o uomo.

In ambito artistico, lei crede sussistano ancora discriminazioni?
Non credo ci siano discriminazioni nell’arte, penso che la cultura si stia via via femminilizzando, a volte anche pericolosamente; scorrendo i titoli in una libreria ci si accorge che la maggioranza è stata scritta per donne, d’accordo, leggono più degli uomini, ma se nei secoli passati mancava una voce adesso rischia di spegnersi l’altra.

Finanziamenti pubblici: cosa pensa della relazione tra denaro e cultura?
Per la cultura il denaro serve ma si può fare anche senza; ritengo accettabile entro certi limiti il finanziamento pubblico, lo Stato dovrebbe investire fortemente su tutto il comparto dell’istruzione, è a scuola che deve radicarsi la cultura.

Quali progetti la impegnano attualmente?
Noi pubblichiamo una quarantina di libri all’anno e, a suo modo, ogni libro è un progetto, ma ci sono due attività trasversali che mi stanno occupando e che mi premono particolarmente; mi piace, sostenendo il settore della casa editrice che tratta di tematiche femminili, scavare in contesti femminei oscuri, misconosciuti o trascurati dai media, come le donne d’impresa o quelle anziane: per questo abbiamo ideato un bando di concorso annuale per il premio letterario “Scrivere Donna”, che si materializza in una pubblicazione dei racconti selezionati, presentata ogni anno al Salone del Libro. Una seconda iniziativa che mi coinvolge e in cui credo parecchio è una collana di itinerari dedicati al territorio piemontese, molto divulgativi ma piacevoli alla lettura, che permettano a chiunque di conoscere la nostra terra con suggerimenti di tipo ecologico ed ambientale; la prima è stata una guida delle 29 chiese del centro di Torino, tutte aperte, da visitare passeggiando. La missione aziendale della Neos Edizioni è sostenere, tramite narrativa e saggistica, il desiderio di crescita culturale civile e personale attraverso la leggerezza e la positività, ad esempio stampiamo gialli, ma non violenti e contestualizzati.

Lei per professione legge moltissimo. Riesce ancora a vivere la letteratura come intrattenimento?
La domenica e in vacanza leggo solo per piacere; è ovvio che sia una professione affascinante ma logorante, ci arrivano tra i 200 e i 300 manoscritti all’anno, lavoriamo molto con gli scrittori esordienti che richiedono particolare dedizione.

Ha qualche consiglio da dare ad artiste emergenti o giovani imprenditrici?
Primo, non essere presuntuosi, è fondamentale per gli artisti come per gli imprenditori, secondo, avere il senso della realtà, il riconoscimento lo si ottiene da una parte facendo bene il proprio mestiere dall’altra comunicandolo con pazienza, terzo, non tralasciare la parte economica, non è vile, nel percorso umano il valore di quello che facciamo è quantificabile anche in denaro.

Continuano le presentazioni di settembre e di ottobre

Giovedì 23 settembre, alle 18,30, presso la Libreria della Torre in via Vittorio Emanuele II, 34 a Chieri
Presentazione di “La piazza della zingara” di Riccardo Marchina.
Il romanzo indaga la cultura rom alla ricerca di una possibile integrazione, in un mondo dove le differenze potrebbero ritornare a essere una ricchezza inestimabile. Sullo sfondo, una Torino multietnica, evanescente e intangibile. Con la prefazione di Sergio Chiamparino
Con l’autore saranno presenti Alberto Martano e la regista Laura Halilovic.

————

Venerdì 24 settembre, alle 18.30, presso Api Torino in via Pianezza, 123 – Torino
Presentazione di “La settima caverna” di Gianni Bosco.
Dagli ultimi fuochi della battaglia di El Alamein prende avvio un’avventurosa caccia al tesoro. Le aride distese del deserto, gli altopiani e le oasi nascondono il mistero che un uomo ha tentato, in solitudine, di risolvere invano e che rischia di esser sepolto per sempre dalla polvere del passato.

———

Venerdì 24 settembre, alle 21,15, presso l’associazione “Sofonisba Anguissola – Galleria delle Donne” in via Fabro, 5 – Torino
Presentazione di “In silenzio” di Patrizia Nicola
La poesia esprime la parte di me più meditativa e la ricerca più intima, rigorosa e senza fine del lavoro con la parola…
Con la partecipazione di Elisa Ribichini, regista, attrice, danzatrice e di Veronique Esteve, attrice.
Ingresso riservato alle donne.

—————-

Sabato 25 settembre, alle 11,30, presso la Biblioteca Civica di Collegno (To) in corso Francia 275
Premiazione del concorso “ScriviCollegno”
Nel corso della premiazione, verrà presentato il volume “ScriviCollegno”: dieci racconti che narrano la Città attraverso luoghi, storie, emozioni e ricordi. Grandi vicende collettive ormai consegnate alla storia, piccoli episodi quotidiani personali, legati a un certo luogo o un particolare avvenimento della vita cittadina, riflessioni sul passato e il presente.

————–

Giovedì 30 settembre, alle 21.00, presso il CLUB ALPINO ITALIANO – Sezione di VENARIA REALE – Via Aldo Picco, 24 – serata con Maurizio Chiereghin, autore di “Aquile e gipeti delle mie valli” e le meravigliose immagini di una passione.
Fra le righe di questo libro si leggono ore e ore passate ad osservare, spesso senza vedere altro che rocce, alberi, torrenti, prati. Poi, in un momento, tutto accade e noi siamo lì, testimoni di un evento raro ma antico e sempre uguale, ripetuto infinite volte nella storia naturale di questi due uccelli, ma raro per noi perché lontano dall’esperienza di tutti i giorni, e proprio per questo così affascinante.
———————

Venerdì 1 ottobre, alle ore 18.00 presso la libreria Coop – Piazza Castello, 113 – Torino
“Scrivere che passione, pubblicare che fatica, vendere che impresa!” – La grande passione per la narrativa si scontra con le difficoltà pratiche del mondo editoriale. Ma, per fortuna o meno, c’è chi non demorde. All’incontro-chiacchierata, condotto dal giornalista Cristiano Tassinari, partecipano alcuni autori torinesi tra cui Roberto Meistro, autore di “Confiteor” e Rossana Repetto, autrice di “Anime fuse”.

————————–

Lunedì 4 ottobre, alle ore 15.30, in occasione della manifestazione nazionale OTTOBRE, PIOVONO LIBRI, A TORINO SI LEGGE IN TRAM E IN BIBLIOTECA, presentazione del libro “Fra le chiese di Torino – Quattro itinerari nella città della Sindone” di Miranda Fontana. Una insolita presentazione sul tram storico, partenza da via Bertola, 10, percorso per le vie del centro, ritorno dopo un’ora circa.


FACEBOOK – AMICI DI NEOS

Wikio - Top dei blog - Letteratura
Aggregatore rss
Blogstreet, dove il blog è di casa
pubbli_volario Illustrazione di Valeria Tomasi
agosto: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Creative Commons License
Tutti i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported.

amicidineos@gmail.com

Questo è l'indirizzo e-mail a cui inviare brani, racconti, poesie, tutto ciò che volete appaia sul blog.

http://www.neosedizioni.it

Il sito della casa editrice. La NEOS EDIZIONI si occupa dal 1996 di autori e tematiche del territorio. Le sue tredici collane spaziano dalla narrativa e memorie femminili alle autobiografie, alle raccolte di poesie e al giallo. Una particolare attenzione è data ai libri illustrati per l'infanzia, alla storia, cultura e tradizioni del Piemonte, alle ricerche storiche, ai cataloghi d'arte e agli scatti di viaggio.