Archive for the 'Pillole d'estate' Category

Pillole dalla calda Calabria

Mari_Laura_CateIl 17 agosto a Girifalco (CZ) si è svolto un evento veramente unico ed emozionante: tra “serate girifalcesi”   ricche di musica,  danze,  folklore e fiere  è stata inserita la presentazione del nostro libro.

“… scrivemmo così una lettera d’invito al sindaco di Girifalco, chiedendo a gran voce la vicinanza, il sostegno e l’affetto da parte di quella gente abituata a vedere il  mondo esterno attraverso le persiane chiuse…”
Io non immaginavo neppure, allora, di quanto affetto e solidarietà “quelle persone” fossero capaci di offrire! Nella serata del 17 agosto, nella suggestiva piazzetta dell’Annunciata, la cittadinanza di Girifalco si è raccolta intorno a noi, per ascoltare la presentazione del nostro libro “Cercando Fabrizio”, che parla della sua scomparsa, della sua famiglia ed anche di… loro.
Ho ascoltato per la prima volta un calabrese, il prof. Antonio Domenico Cristoforo, leggere alcuni brani del libro con il suo accento, dando vita alle frasi scritte nel loro dialetto… : una “magia”…!
Con il loro silenzio durante le ben due ore di presentazione, non hanno smesso un attimo di comunicarci tutto il loro affetto e la loro solidarietà.
Il sindaco, Rocco Signorello, degno rappresentante di tanta umanità, è stato sempre vicino alla famiglia Catalano ed ha cercato in ogni modo di esprimere la sua partecipazione al loro immenso dolore…
Anche Michele Mellace, in rappresentanza del sindaco di Collegno, ha fatto sentire tutto il calore che la nostra città piemontese non ci ha mai fatto mancare.
Io, pugliese trapiantata in Torino, ho visto per la prima volta questa magnifica terra di Calabria, ma il calore che ha bruciato la mia pelle sulla spiaggia, non è stato più forte di quello che i girifalcesi mi hanno trasmesso con i loro sguardi, i loro abbracci, le raccomandazioni di stare sempre vicina alla loro “Teta”…

Marilù Tomaciello

“…Teta mia, figghiammà, cara de màmmata… Santu Ruoccu mio, facìtili la grazzia…”HPIM5538
Teta, quel nomignolo con cui i miei famigliari mi hanno sempre chiamata, ha ripreso vita quella sera, nella piazzetta dell’ Annunciata.
Le parole di don Antonio, che ha commentato il nostro “Cercando Fabrizio…” mi hanno profondamente colpito. Ha saputo cogliere degli aspetti che, pur essendo ben presenti tra le righe, non erano chiaramente scritti. Ha parlato, in particolare, delle figure di Ezio mio marito e di mio figlio Alessio.
Con gran delicatezza ha paragonato Ezio alla figura di San Giuseppe, sempre nell’ombra della sua “sacra famiglia”, ma sempre al loro fianco ed a loro sostegno. Alessio, poi, descritto come un adolescente dalla grande forza e maturità, che è stato capace di mettersi da parte, con le sue crisi adolescenziali, per far spazio a suo fratello, che meritava… “tutta la scena” durante gli anni delle ricerche.
Grande è stata la mia emozione, poi, quando abbiamo chiamato i volontari di Girifalco per donare loro una pergamena di ringraziamento per gli sforzi sin qui compiuti: tutti quei ragazzi, coetanei di Fabrizio, facevano la fila per abbracciarmi e stringermi la mano ed io sentivo in loro… l’odore di mio figlio, che mi toccava e mi guardava attraverso i loro occhi luccicanti.
Le note musicali, poi, offerte dall’ Associazione “W.A.Mozart”, hanno saputo toccare le corde più profonde del mio animo ferito, specialmente quando hanno suonato e cantato “La vita è bella”, che tante volte il mio Fabrizio aveva meravigliosamente offerto a chi lo ascoltava, durante le mille occasioni di festa in cui portava con sé la sua magica chitarra.

Caterina  Migliazza Catalano
www.fabriziocatalano.it

Pillola d’arte: Monet – il tempo delle ninfee

Milano, Palazzo Reale – 30 aprile-27 settembre 2009 – Le grandi Ninfee, i capolavori dell’arte di Claude Monet, per la prima volta a Milano.

10Nel 1890 Claude Monet, il padre dell’impressionismo, acquista la casa e il giardino di Giverny, lungo la Senna, a nord di Parigi. Fino ad allora egli aveva sempre condotto un’esistenza da nomade, alla ricerca dei mutamenti della luce, dalla Normandia all’Italia, dall’Inghilterra alla Norvegia.

Quando acquista la casa di Giverny, Monet è a metà della sua vita.

In questa casa vivrà il resto della sua lunga vita, cercando senza sosta di realizzare quella che considera ormai la fonte di ispirazione più importante per la sua arte: il suo giardino. Accanto al giardino francese, con i fiori che ha piantato in un primo tempo, egli costruirà il suo giardino giapponese: qui, in uno stagno circondato da salici, fioriranno le più diverse specie di ninfee.

Proprio a questi trent’anni della sua vita, al “tempo delle ninfee”, è interamente dedicata la mostra allestita nelle sale nobili di Palazzo Reale a Milano.

Testo e immagine tratti dal sito http://www.mostramonet.it

Pillola d’estate in città

Un mercoledì sera di fine luglio a passeggiare da sola lungo la via Mensa, a Venaria.

Il cielo è chiaro e le piccole finestre aperte sull’aria ancora pesante di caldo. Laggiù in fondo, l’orologio mi aspetta come un vecchio amico, circondato dal pulviscolo d’acqua della fontana.

Giungo nei pressi del cancello: la piazza mi si offre. I suoni sono attutiti, nessun rumore turba questo momento tutto per me.

Ripercorro il cammino a ritroso voltandomi a dare un’ultima occhiata al tondo faccione dell’orologio. E mentre passo accanto alle persone sedute nei dehors dei ristoranti e alzo lo sguardo verso i balconi ornati di fiori, ho la sensazione che in questo mio luogo del cuore nulla di male potrà mai accadere.

Nicoletta

Compiti di italiano

Alzi la mano chi non ricorda gli odiati compiti delle vacanze! Si partiva con quella “zavorra” di libri e quaderni che sembravano quanto mai fuori luogo sul tavolo della veranda o sopra il plaid da pic-nic. Eppure si facevano, un po’ di malavoglia ma, al rientro, gli esercizi di matematica avevano riempito i fogli a quadretti e le relazioni sui romanzi letti erano pronte.

Danilo Torrito fa, a modo suo, i compiti e ci regala questa sua personalissima versione tratta dalla sezione “Le grandi opere rivedute e scorrette” della sua raccolta di poesie “Passaggi”, di recente pubblicazione.

“I Promessi Spo… rchi”

Su quel ramo del Lago di Como
il Manzoni c’ha scritto un bel tomo
che racconta di Renzo e Lucia
una storia di sesso e follia

Don Rodrigo diceva alla pia:
“Brutta stronza sarai solo mia!”
e il suo amato cornuto e mazziato
a una monaca par si sia dato

C’era pure un simpatico frate
che a Perpetua le aveva poi date
di quel gruppo una grande impicciona
che non dava a nessuno la mona

E che dire di Azzeccagarbugli
grande esperto di donne e di mogli
avvocato di gran “levatura”
che per tutte c’aveva la cura

Un bel tipo “non l’ho nominato”
lo capisce chi un tempo ha studiato
che ha cercato di fare il furbetto
se lo è preso così nel culetto

Forse ho un po’ travisato li fatti
raccontando sto gruppo di matti
ma miei cari son mica Manzoni
non rompetemi tosto i maroni

Perché in fondo la storia passata
ha da essere un poco cambiata
e chissà che non tiri di più
con un po’ di quel sano… frù frù!”

Danilo Torrito

Una pillola d’estate da Gemma

Se il blog è “dedicato a chi lontano dal blog proprio non ci sa stare nemmeno d’estate” (post dell’8 luglio di Nicoletta), comunico che al blog stesso sono stata “vicino” per l’immobilizzazione conseguente una piccola infrazione al calcagno, per la quale ho ben  verificato che nella suddetta condizione si è davvero particolarmente “felici di leggere, felici di scrivere”. Per fortuna potrò nuovamente camminare proprio il 31 luglio, giorno previsto per la presentazione del mio libro a Prali nell’ambito della manifestazione ‘Pralibro’!!!
Gemma Rota

autrice di: Di donne e di gatti

Quando…

Quando cammini in un campo e la tua mente è pura e santa, allora dalle pietre, da ogni pianta che cresce, da tutti gli animali escono le scintille dell’anima ed entrano in te. Tu ne vieni purificato e in te si accende un fuoco santo…

Danilo Torrito

Pillole d’estate via sms

fdlUn breve avviso per gli autori Neos.

Poco fa vi è stata inviata una mail con il numero di cellulare da utilizzare per l’invio delle pillole d’estate via sms.

Raccomando nuovamente di non dimenticare di segnalare, all’interno del messaggio,  il nome dell’autore della pillola.

Grazie a tutti!

Nicoletta


FACEBOOK – AMICI DI NEOS

Wikio - Top dei blog - Letteratura
Aggregatore rss
Blogstreet, dove il blog è di casa
pubbli_volario Illustrazione di Valeria Tomasi
agosto: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Creative Commons License
Tutti i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported.

amicidineos@gmail.com

Questo è l'indirizzo e-mail a cui inviare brani, racconti, poesie, tutto ciò che volete appaia sul blog.

http://www.neosedizioni.it

Il sito della casa editrice. La NEOS EDIZIONI si occupa dal 1996 di autori e tematiche del territorio. Le sue tredici collane spaziano dalla narrativa e memorie femminili alle autobiografie, alle raccolte di poesie e al giallo. Una particolare attenzione è data ai libri illustrati per l'infanzia, alla storia, cultura e tradizioni del Piemonte, alle ricerche storiche, ai cataloghi d'arte e agli scatti di viaggio.