Sette giorni di appuntamenti

Giovedì 10 giugno, alle 21, presso “Il Circolo” in via Vittorio Veneto 11 a Carignano (To)
Presentazione di “Il viaggiatore di gennaio” di Teodora Trevisan.
Incontro realizzato dall’associazione culturale “Polvere di luna” (www.polveredilunarivoli.splinder.com) in collaborazione con Neos Edizioni per il ciclo “Un tema più azioni per confrontarsi – Amore ai tempi del precario”.
L’incontro sarà arricchito da una mostra di quadri a cura di “Imparalarte”, atelier di pittura di Amelia Alba Argenziano (via Rombò 22/A Rivoli – To).

——————

Venerdì 11 giugno, alle 20, presso la Sala Scudieri – Borgo Castello del Parco “La Mandria”
Presentazione di “Aquile e gipeti” di Maurizio Chiereghin.

——————

Martedì 15 giugno, alle 17,30, presso Animaglia in via Galliari 31 – Torino
Presentazione di “Gli asciugamani in tinta” di Nella Re Rebaudengo.

——————

Mercoledì 16 giugno, alle 20,30, presso il Castello di Vinovo in via del Castello – Vinovo – To
Presentazione di “Correva l’anno 1704” di Pietro Terzolo.

——————

Giovedì 17 giugno, alle 17,30, presso Palazzo Sormani in piazza Solferino, 22 – Torino
Presentazione di “Alla maniera di…” di Enrico Chiaves.
Con la partecipazione del cantautore folk Martin (Bruno Garino). Ingresso gratuito sino a esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria. Organizzato dal Consiglio Regionale del Piemonte all’interno del ciclo “Invito in giardino”. Tel. 011 5757371.

——————

Giovedì 17 giugno, alle 21, presso il circolo culturale ricreativo “Cral Smat” in strada Del Nobile 12 – Torino
Presentazione di “Intorno al fiume” di Stefano Camanni e Ippolito Ostellino.
Incontro realizzato dall’associazione culturale “Polvere di luna” (www.polveredilunarivoli.splinder.com) in collaborazione con Cral Smat e Neos Edizioni. L’incontro sarà arricchito da una mostra di quadri a cura di “Imparalarte”, atelier di pittura di Amelia Alba Argenziano (via Rombò 22/A Rivoli – To).

2 Responses to “Sette giorni di appuntamenti”


  1. 1 Daniela Lovera 11 giugno 2010 alle 12:33

    SABATO 12 GIUGNO, ore 11.30 – BAR DEL PORTO – piazza Mochino, 3 – San Mauro Torinese: APERITIVO CON GLI AUTORI. Sarà presente Daniela Lovera, autrice del romanzo IL CIRCOLO DEGLI DEI. http://www.neosedizioni.it

    …pare che la zona nella quale abito sia piuttosto prolifica in fatto di scrittori!!!

  2. 2 Daniela Lovera 14 giugno 2010 alle 12:56

    Una giornata, con dentro tutta la vita.

    Come è possibile che una giornata contenga tutta la vita? Se gli attimi diventano mesi e le ore sono come anni forse sì, forse diventa possibile. Sabato è andata così. In mattinata sono stata ad un aperitivo (organizzato dal Comune di San Mauro) per conoscere altri scrittori, dalle mie parti tira una buona aria in fatto di amanti dello scrivere. Siamo in parecchi, mi ha fatto piacere scoprire che, oltre alla sottoscritta, altre penne/tastiere partoriscono storie e racconti. Mi sono sentita a casa, probabilmente molte delle persone conosciute diventeranno frequentazioni abituali, chi lo sa. Ebbene, la gioia, la consapevolezza del potere delle parole, anche di quelle pronunciate a bassa voce, le emozioni in me ed in altri scrittori, la attenta passione dell’organizzatore, la presenza di alcuni amici e la scoperta di aver superato la paura della critica, hanno compiuto il miracolo ed io ho vissuto in un giorno tutta la mia vita. Come si sa, il mattino ha l’oro in bocca!
    Quando l’evento volge al termine, arriva una telefonata inattesa, la sua voce appena riacceso il telefono e lui che mi dice che rientrerà domani dal lavoro. Bene, ci vedremo in settimana. Il tempo pare annullarsi, non esistere. Bella emozione. Uno scambio di libro con un altro scrittore, le parole e l’attenzione dell’assessore che dice di voler leggere il mio libro per parlarne poi con me, mi rendo conto di non sognare. Ci sono fotografi e giornalisti, il tutto in un clima conviviale e spontaneo, bello, come è bella San Mauro che fa parte della mia vita fin dai tempi dell’infanzia; sul suo ponte ho provato il senso delle vertigini per la prima volta, mio padre mi sedeva lì per guardare i fuochi, durante la festa del paese; i miei nonni, mia mamma e molti dei miei parenti vi hanno abitato, io stessa durante i primi anni di matrimonio. San Mauro dunque diventa fulcro della giornata e l’energia mattutina si propaga. Max sta con me tutto il giorno, è il mio migliore amico. Dopo l’aperitivo, in compagnia di Max e Lori (amica del cuore che ama ciò che scrivo quasi quanto me) faccio un salto in un paio di librerie limitrofe, poi un caffè veloce, il tempo con i miei amici vola. Saluto Lori con la promessa di vederci il giorno dopo e decido di andare con Max a fare la spesa a Porta Palazzo. Non ci vado da anni. Di corsa a casa, per cambiarci di abito, i miei genitori anziani, stanchi e dolci mi guardano stupiti, il mio entusiasmo li colpisce, forse non lo capiscono, non so, non ho tempo per le spiegazioni. Sanno che scrivo ma non sanno perchè io lo faccia. Credo siano orgogliosi di me…mi basta, dopo tutti questi anni posso dire che mi basta.
    Dopo circa mezz’ora, eccoci a Porta Pila che camminiamo agilmente fra le bancarelle affollate. Torino, bella città cosmopolita che vibra di colori. Con una ventina di sacchetti di frutta e verdura torniamo alla macchina e, non paghi, andiamo a ritirare due bottiglie di vino pregiato, che Max ha ordinato in un’enoteca del centro. Dice che una delle due la apriremo al mio prossimo successo letterario! Anche lui ama i miei scritti quasi quanto li amo io…gli amici, che cosa non sono?!
    A casa al ritorno trovo mia sorella, di corsa e super impegnata come me, appena il tempo di salutarci e darci appuntamento per il giorno dopo ed ecco che mia figlia mi chiama al telefono, ultimamente le nostre telefonate sono tranquille, pacate, meno di corsa. Serene. Combiniamo di vederci al più presto, il tempo è compresso, non riusciamo mai a fare tutto! Da quando si è sposata mi manca ma sono talmente felice di vederla presa dalla sua vita con suo marito e dai loro progetti. E’ proprio una bella giornata ed io canticchio sulla musica che sento arrivare dalla macchina di Max, che mi invita a cena, no meglio stare a casa e così lo invito da me, ci accontentiamo di un’insalata e delle verdure comprate al mercato. Un cesto di ciliege ed un ottimo gelato chiudono la tranquilla cenetta, in ultimo un buon caffè ed ecco la malinconia fare capolino, per un attimo. Max la coglie, conosce tutto di me. Siamo amici da quasi vent’anni. ‘Io me ne vado, ti serve questa malinconia, se no che razza di scrittrice sei?!”. Sto per dire sì ma mi volto verso il giardino, vedo dei fiori e sento un guizzo di gioventù sprigionarsi nell’animo.
    Non ho sonno. Voglio tornare indietro, voglio giocare con il tempo, lo voglio fare con la mente, con il cuore, con il sorriso malandrino che di solito hanno i ragazzini quando vanno alla ‘maroda’….mi pare si dica così, ovvero andare a fregare le cose negli orti, nelle notti d’estate.
    Voglio una ‘maroda’ di fiordalisi, li ho visti in un campo di grano, sono i miei fiori preferiti e mi ricordano la gioventù, l’infanzia, mi ricordano quella esplosiva voglia di vivere che ci si sente addosso a vent’anni. Max si arrende: “Andiamo…mettiti le scarpe da ginnastica…”. Detto, fatto, siamo in macchina, in un battibaleno raggiungiamo il campo. E’ quasi buio ma il blu dei fiordalisi si vede. I fiori delicati si lasciano sradicare dalle forti mani di Max. Ne raccogliamo molti. Li sistemo in una bacinella che riempio di acqua, in attesa di essere piantati. Prima di andare a casa Max mi dice che è stata una giornata da segnare sul calendario…Ha ragione, io l’ho già fatto! Nel campo di grano ho sentito passare l’aria fresca, come nelle notti d’estate di molti anni fa, fra le bancarelle di Porta Palazzo ho rivisto me ragazza con i miei amici di allora, nelle scorribande di Pasquetta, quando prendevamo il trenino ed andavamo a Balme. Al telefono, nelle voci di mia figlia e di suo padre ho sentito il valore e lo scopo della vita stessa, che si realizza anche con la nascita dei nostri figli, in Max e Lori ho colto l’amore che vibra nei sentimenti di amicizia. Nei miei genitori e in mia sorella ho sentito e sento di avere una storia e nei miei libri, che mi stanno portando a zonzo fra eventi e nuove ed interessanti conoscenze, confermo a me stessa che la mia storia sia bella e sia solo all’inizio, momento importante come l’inizio di ogni giornata, specie quando trattasi di una giornata con dentro tutta la vita. La mia.

    Daniela Lovera.

    ps grazie a Silvia e Nicoletta per la loro partecipazione.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




FACEBOOK – AMICI DI NEOS

Wikio - Top dei blog - Letteratura
Aggregatore rss
Blogstreet, dove il blog è di casa
pubbli_volario Illustrazione di Valeria Tomasi
giugno: 2010
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
Creative Commons License
Tutti i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported.

amicidineos@gmail.com

Questo è l'indirizzo e-mail a cui inviare brani, racconti, poesie, tutto ciò che volete appaia sul blog.

http://www.neosedizioni.it

Il sito della casa editrice. La NEOS EDIZIONI si occupa dal 1996 di autori e tematiche del territorio. Le sue tredici collane spaziano dalla narrativa e memorie femminili alle autobiografie, alle raccolte di poesie e al giallo. Una particolare attenzione è data ai libri illustrati per l'infanzia, alla storia, cultura e tradizioni del Piemonte, alle ricerche storiche, ai cataloghi d'arte e agli scatti di viaggio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: