Archivio per febbraio 2010

Delitti e provette – recensione di Fulvia Gonella Indemini

E’ con vero piacere che pubblichiamo la recensione di Fulvia Gonella Indemini, che ha come oggetto il giallo DELITTI E PROVETTE di Gianfranca Fra.

La Dott.ssa Gonella collabora da molti anni con Centri Culturali per i quali organizza incontri, conferenze e dibattiti che sovente la vedono coinvolta anche come relatrice. Collabora inoltre con riviste e librerie redigendo recensioni, moderando presentazioni di libri e organizzando incontri volti ad offrire al pubblico le proposte di lettura e le più rilevanti attualità del dibattito culturale.

http://www.lagazzettaweb.it/

———————————–

La curiosa copertina è il riuscito biglietto da visita del romanzo a sfondo giallo di Gianfranca Fra («Delitti e provette», Neos, pp.119, €12,00), ambientato in un laboratorio-analisi ospedaliero, che entra ex abrupto nel vivo con un inspiegabile omicidio, per poi diramarsi in altri drammi e in situazioni misteriose.
Con stile genuino e colloquiale, l’autrice dipana il filone principale lasciando spesso in sospeso la narrazione per incuriosire e arricchendola di digressioni circa le problematiche quotidiane dei numerosi personaggi: astuto accorgimento per scandagliare sentimenti, affanni, noie, perplessità, dubbi di normali esistenze.
La storia è ricca di riferimenti al mondo contemporaneo (gli occhiali Chanel, le calze Pierre Cardin, la top model Eva Erzigova, Julia Roberts in “Pretty Woman”, canzoni anni ’50-’60, gelati Chiavacci di buona memoria), piacevoli e arguti, che occhieggiano su dettagli e smorzano la tensione.
Gabriella, Elena, Antonio, Alberto, Valeria, Angela, Vincenzo sono le figure-chiave dell’intrigo, alcune vittime, altre carnefici inconsapevoli perché accecate dai moti del cuore, altre infide e subdole, pronte a calpestare chiunque ostacoli la loro ascesa carrieristica. E’ il caso di Alberto, un Giano bifronte dagli sfacciati, ammaliatori comportamenti, che approfitta della sua avvenenza e del suo “savoir faire” per raggiungere i propri obiettivi, intessendo, a tal fine, una relazione con una biologa del laboratorio, finché la faccenda gli sfugge di mano, in virtù di sentimenti veri e non di fedifraghi, meschini calcoli.
Soprattutto donne sono le protagoniste del romanzo, che peraltro non può essere definito “al femminile”; piuttosto, tali figure consentono all’autrice di evidenziare antipatie e pettegolezzi, di un osservarsi a vicenda con sguardo bonario o fulminante, di cogliere minute critiche e ostilità, utili al tratteggio dell’ambiente, cornice di casi strani e drammatici.
La Fra ingarbuglia la matassa in modo fitto, suggerendo che un piccolo tondino di plastica ha pregnante significato, costruendo e decostruendo le vicende, colorando di mistero e di apparente casualità figure che poi ritrae nella loro profonda identità, rivelando vere intenzioni solo all’ultimo, quando scioglie l’intricata situazione, prima depistata da intuizioni prossime alla verità e, in quanto tali, troncate in modo cruento.
La torinesità è caratteristica felice del romanzo: la città è personaggio di sfondo, riconoscibile in luoghi e angoli ben definiti, il Lingotto, corso Belgio, il ristorante “Tre galline”, la Crocetta, il bar Florio ed è attraente cornice di fitte vicende ben dominate dall’autrice che riesce a uscire dall’intrigo in modo forse un po’ frettoloso, ma del tutto convincente.

FULVIA GONELLA INDEMINI

“DONNE AMICHE” – INVITO ALLA SCRITTURA

“DONNE AMICHE” – INVITO ALLA SCRITTURA

L’amicizia è un tema molto caro alle donne, in tutte le fasi della loro vita.

Questo invito alla scrittura è rivolto a tutte/tutti coloro che vorranno partecipare inviando un brano (lunghezza massima 30 righe di word) all’indirizzo e-mail amicidineos@gmail.com entro lunedì 8 marzo.

Tutti i brani verranno pubblicati sul blog.

Immagine tratta da Fine Friends™ Collection
http://www.napavalleywww.com/napavalleyjewelery.htm

BLU

Fiori di campo… in rima

FIORI DI CAMPO

Sopra il palco dell’Araldo
Spirò un vento molto caldo
Già lo chiamano il “Gorg-Ale”
Spirò forte e fu speciale

Fu in febbraio il giorno 5
Il ricordo non si estingue
Quando l’arte si esibisce
Alle volte un po’ stupisce

Su quel palco minimale
Uno specchio ed un giornale
Sullo sfondo un po’ spettrale
Fu la storia poi a parlare

Una strana montagnola
Di giornali a un tratto vola
Sembra un gioco un girotondo
Ma è la vita messa al bando

Stroboscopici colori
Sul ricordo degli orrori
Tra parole di un passato
E un poetico danzato

Chi ha ascoltato ha lacrimato
Chi ha vissuto ha ricordato
Chi sapeva sa di più
Mentre il cielo è sempre blu

Voci suoni luci e gesti
A memoria di quei “resti”
Che rimangono nel vento
Stretti al coro di un lamento

Sopra il palco dell’Araldo
Spirò un vento molto caldo
Forse un giorno tornerà
La memoria è sempre là

Danilo Torrito


CRONO-INEDITI

In questi giorni il comitato editoriale sta leggendo i manoscritti dal n. 60 al n. 90.

… continua il febbraio febbrile…

Mercoledì 17 febbraio, alle 17.00, presso la Biblioteca della Regione Piemonte in via Confienza, 14 – Torino

Conferenza “Storie e personaggi del ‘700 piemontese”

Intervengono quattro scrittrici: Marisa Porello, Lidia Prunotto, Rossana Repetto e Donatella Garitta. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Organizzato dalla Biblioteca della Regione Piemonte.

——————–

Giovedì 18 febbraio, alle 18.00, presso la Galleria Artheos in corso Monte Cucco, 15 – Torino
Presentazione di “Il peso di un sorriso” di Ivana Scarzella.


——————–

Mercoledì 24 febbraio, alle 17.00, presso la Biblioteca della Regione Piemonte in via Confienza, 14 – Torino
Conferenza “Il ‘700 piemontese fra guerra e pace”

Intervengono Pietro Terzolo, Presidente del Centro studi Eugeniani e autore del libro “Correva l’anno 1704”, e Massimo Chiais, giornalista ed esperto di storia militare.
Ingresso libero fino a esaurimento posti. Organizzato dalla Biblioteca della Regione Piemonte.

———————-

Giovedì 25 febbraio, alle 18,15, presso la sede di “Immagini per il Piemonte” (Sala Principe Eugenio) in via Legnano 2/b – Torino
Presentazione di “Domine non sum dignus” di Erina Russo de Caro.

In occasione della conferenza “Sir James Hudson, grande amico di Cavour e primo ambasciatore a essere accreditato presso il nuovo Regno d’Italia” del ciclo “La grande diplomazia in Piemonte”, si parlerà di “Domine non sum dignus” di Erina Russo de Caro.

21 marzo: “Confiteor” a San Giorgio Scarampi (Asti)

COMUNE DI SAN GIORGIO SCARAMPI – 21 MARZO 2010  ORE 16.00
EX ORATORIO DELL’IMMACOLATA

Presentazione del libro

“CONFITEOR” di ROBERTO MEISTRO

(sarà presente l’autore)

PROGRAMMA:
INTRODUZIONE DEL SINDACO
LETTURA DI ALCUNI BRANI E DIBATTITO
PARTECIPANTI: Giampiero Nani (Pres. C.M. Suol D’Aleramo)
Luigi Gallareto (Sindaco di Monastero Bormida)
Giovanni Smorgon (Giornalista de “L’Ancora”)
Pietro Reverdito (ex maestro in San Giorgio Scarampi)
MODERATORE: Oldrado Poggio (Giornalista de “ La STAMPA”)
CONCLUSIONI A CURA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

A SEGUIRE, RINFRESCO OFFERTO A CURA DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SCARAMPI.


http://www.comune.sangiorgioscarampi.at.it/


FACEBOOK – AMICI DI NEOS

Wikio - Top dei blog - Letteratura
Aggregatore rss
Blogstreet, dove il blog è di casa
pubbli_volario Illustrazione di Valeria Tomasi
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
Creative Commons License
Tutti i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported.

amicidineos@gmail.com

Questo è l'indirizzo e-mail a cui inviare brani, racconti, poesie, tutto ciò che volete appaia sul blog.

http://www.neosedizioni.it

Il sito della casa editrice. La NEOS EDIZIONI si occupa dal 1996 di autori e tematiche del territorio. Le sue tredici collane spaziano dalla narrativa e memorie femminili alle autobiografie, alle raccolte di poesie e al giallo. Una particolare attenzione è data ai libri illustrati per l'infanzia, alla storia, cultura e tradizioni del Piemonte, alle ricerche storiche, ai cataloghi d'arte e agli scatti di viaggio.